Reattanze

Reattanza di Linea

Le combinazioni tipiche di raddrizzatori e condensatori negli alimentatori sollecitano in modo considerevole la rete di alimentazione con dei picchi di corrente che si manifestano al momento della massima tensione.
Le reattanze induttive di linea vengono utilizzate come elementi passivi per ridurre le armoniche e il carico sulla rete, limitando anche i disturbi che vanno ad incidere sulla rete di alimentazione quali: brusche variazioni di tensione e picchi di corrente (fenomeni che possono disturbare sensibilmente le apparecchiature elettroniche).
La reattanza induttiva di linea è utile anche ai grossi consumatori di energia i quali pagano separatamente potenza attiva e potenza reattiva e che quindi, grazie a questo componente, hanno un risparmio non trascurabile nei costi dell'energia.

Reattanza Lato Motore

Le induttanze di uscita lato motore livellano la corrente attiva simmetrica e la corrente di disturbo asimmetrica e attenuano in modo estremo i disturbi irradiati della linea di alimentazione.
Inserendo una reattanza tra l'azionamento e il motore, il tempo di vita degli isolamenti aumenta e vengono ridotte le perdite e le rumorosità tipiche nel pacco ferro motore causate dalle armoniche.

Reattanza Lato Rete

Gli azionamenti a Inverter, oltre ai danni che possono provocare al motore, immettono in rete armoniche che possono disturbare altri apparati.
Inserendo un'ulteriore reattanza tra rete e azionamento si ottiene una riduzione di queste armoniche, garantendo così una linearità della forma d'onda, una riduzione dei disturbi di rete e un sensibile aumento della durata dei semiconduttori.